Il verso dell’orso

Questo blog, del quale nessuno sentiva la mancanza, e nemmeno io, prende il nome dal mio ‘quasi’ libro.
Una raccolta di scritti, qualcuno inedito ed altri già pubblicati su Facebook, che ho fatto rilegare in copisteria in 20 copie e che è stato il mio regalo di Natale 2018 per le persone che amavo e che amo. In realtà ne bastavano molte meno, ma crepi l’avarizia.

Il libro si divideva in tre parti, fra pubblico, cazzeggio e privato.
Parte I – La cosa pubblica (e-pistole)
Parte II – Al Bar di Montione
Parte III – Quello che resta
e anche in questo blog manterrò la stessa struttura.

Molte delle cose di quel libro le troverete anche qui. 

Amo la Scrittura, la Musica e la Fotografia ma non ho talento in nessuna di queste.
Sono solo uno scribacchino, uno strimpellatore senza voce e uno scattista della domenica, però ne ho bisogno e queste passioni mi salvano la vita da sempre.
Del resto le passioni, come i sogni, servono a questo.