La mia Valdichiana

Capita, di rado ma capita, di incontrare persone che rendono la tua vita migliore. E vale anche per i luoghi, soprattutto se ci trascorri del tempo e impari a conoscerli.
Quando succede, il tempo che passa non potrà niente contro di loro. Questa entità troppo sopravvalutata potrà passarti addosso, cambiarti nel fisico, renderti più fragile, ucciderti, ma non avrà nessun potere contro quegli affetti e quelle emozioni che invece rimarranno vive e vitali dentro di te. Per sempre, come la prima volta che le hai provate.
Quando, e se avrai la fortuna di rivedere quel posto o di riabbraccerai quella persona, tutti gli anni trascorsi verranno cancellati da quella vista, evaporati in quell’abbraccio.
Con le persone è più difficile. La vita non è come la fisica, o la chimica, dove basta ricreare le stesse condizioni perché si verifichi lo stesso fenomeno.
E’ più complicata. Ma con i posti si può fare.         

E ce n’è uno, fra i pochi che ho nel cuore, dove posso provare questa fortuna ogni volta che voglio. Salgo sulla mia moto e via. Trenta, quaranta minuti, e ci sono. Le stesse strade, le pianure sconfinate, i campi di girasole, le leopoldine. Le stesse buche nella strada sterrata che porta alla casa dove abitavo. Tutto immutato. Tutto immutabile. 
Mi fermo. Mi siedo all’ombra dello stesso pino. Respiro piano. Il profumo. Il silenzio.
Qualche minuto da solo. Fuori da tutto. Come una cura. Come una medicina.

Poi entro nel solito bar: “buongiorno, un caffè, grazie”. C’è il consueto gruppo di indigeni d’ordinanza che sparlano ad alta voce contro chiunque, da sky al governo al caldo. Mi ignorano, come mi ignora la signora al banco. Ma mi ignoravano anche prima, per me era sempre e solo “buongiorno, un caffè, grazie” e nemmeno una parola di più, anche se, appena uscito, entrerò nel loro elenco di chiacchiere, e parleranno male anche di me.

I posti sono questi. Il video l’ho già postato e chi l’ha visto può risparmiare tempo (ma anche chi non l’ha visto, volendo). Perdonatemi, alla mia età si dicono e si fanno sempre le stesse cose. E io continuo ad amare gli stessi posti.        
E le stesse persone.

Lascia un Commento

*

Orso Grigio
Facebook Pagelike Widget
Post
Calendario
Aprile: 2019
L M M G V S D
« Gen    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930